+39 335 303240 info@casinadimanon.it

ITINERARIO FIRENZE DUOMO

Itineario consigliato per la visita al Duomo di Firenze

MappaItinerario

ITINERARIO

La Casina di Manon

PUNTO DI PARTENZA

Distanza 45 chilometri, da raggiungere:

– in auto in circa 60 minuti – NAVIGATORE

– in treno in circa 1 ora e mezzo – NAVIGATORE

Duomo di Firenze

“Duomo” è una parola che deriva dal termine latino “domus”, cioè “casa”. Il Duomo è la casa di Dio e del suo popolo.
Siete dunque bene accolti; vi invitiamo ad ammirare le opere d’arte e di fede con cui i Fiorentini attraverso i secoli hanno abbellito questo luogo sacro.
Ci permettiamo inoltre di dirvi qualcosa sul senso profondo che questi monumenti hanno per noi. Lo scopo di questo sito, infatti, è quello di suggerire le circostanze storiche e le idee religiose che hanno influito sulla forma e decorazione del Battistero, del Campanile e della Cattedrale.
In riferimento a quest’ ultimo termine, precisiamo che il Duomo si chiama anche “Cattedrale”, perchè vi è la cattedra del Vescovo; è, cioè, il luogo in cui il Vescovo celebra e predica la Parola del Signore.
II Duomo, però, come del resto ogni chiesa, è soprattutto una “casa di preghiera per tutti i popoli” (Isaia 56,7): pertanto è “casa vostra”, anche se non siete fiorentini, anche se non siete credenti. Noi speriamo quindi che vorrete unirvi a noi nel rispettarla ed amarla.

www.duomofirenze.it

Distanza 250 metri, da raggiungere a piedi in circa 3 minuto – NAVIGATORE

Museo dell'Opera del Duomo

La Fabbriceria della Cattedrale di Firenze è stata fondata dalla Repubblica Fiorentina nel 1296 per sovrintendere alla costruzione del Duomo. Secondo la tradizione l’otto settembre viene posta, sotto la direzione di Arnolfo di Cambio, la prima pietra della Cattedrale.

A oltre settecento anni dalla fondazione, l’Opera di Santa Maria del Fiore, continua il suo impegno nella conservazione e nella valorizzazione dei monumenti che costituiscono il Grande Museo del Duomo: la Cattedrale di Santa Maria del Fiore con la Cupola del Brunelleschi e la Cripta di Santa Reparata, il Battistero di San Giovanni, il Campanile di Giotto e il Museo dell’Opera.

operaduomo.firenze.it

Distanza 650 metri, da raggiungere a piedi in circa 7 minuti – NAVIGATORE

Basilica Santa Croce

Nel 1228 è testimoniata l’esistenza di un primo piccolo oratorio costruito dai francescani in una zona paludosa in prossimità della riva nord dell’Arno. L’edificio fu ampliato intorno alla metà del secolo, ma le dimensioni non erano ancora sufficienti per accogliere i numerosi fedeli che lo frequentavano, tanto che il 3 maggio 1294 (o 1295, l’anno è controverso) venne gettata la prima pietra di un nuovo edificio, quello attuale. Fu una cerimonia solenne, accuratamente descritta da Giovanni Villani, alla quale presero parte non solo i rappresentanti del potere religioso e politico della città, ma anche «tutta la buona gente di Firenze, uomini e donne».
Santa Croce accolse inizialmente i sepolcri delle famiglie della zona circostante; poi nel Quattrocento, con le tombe dei cancellieri della Repubblica Leonardo Bruni e Carlo Marsuppini, divenne custode della memoria dei fiorentini illustri. I monumenti a Michelangelo, eretto dal 1564, e quelli più tardi a Galileo e Machiavelli ispirarono Ugo Foscolo che nel carme I Sepolcri, del 1807, indica Santa Croce come «Tempio delle itale glorie», segnandone il passaggio da Pantheon della città di Firenze a Pantheon degli Italiani.

www.santacroceopera.it

AVVERTENZE